tassazione tartufi

Tassazione Tartufi: IVA al 5%

In questa articolo, esploreremo la tassazione dei tartufi e come il Governo Conte abbia abbassato l’aliquota IVA al 5% e quale impatto abbia avuto su questa industria.

Nel mondo dell’enogastronomia italiana, i tartufi sono sempre stati considerati un vero tesoro culinario. Ogni appassionato di cucina sa che il loro sapore unico e prelibato può trasformare un semplice piatto in un’esperienza gastronomica straordinaria. Tuttavia, il prezzo dei tartufi è stato a lungo influenzato dalla tassazione, e in passato, l’IVA elevata ha fatto sì che questi gioielli culinari fossero meno accessibili al grande pubblico.

Una Breve Storia di Tassazione sui Tartufi

Prima del 2016, i tartufi in Italia erano soggetti a un’aliquota IVA del 22%, rendendo il loro acquisto un lusso riservato a pochi. Tuttavia, il governo dell’epoca, guidato da Matteo Renzi, introdusse un cambiamento significativo abbassando l’aliquota IVA al 10%, rendendo i tartufi più accessibili ai consumatori italiani. Questa norma entrò in vigore il 1° gennaio 2017, ma sotto il governo di Giuseppe Conte, c’è un ulteriore taglio delle tasse per il tartufo fresco o refrigerato.

Il Governo Conte e la Rivoluzione Fiscale sui Tartufi

Nella prima Legge di Bilancio sotto il governo di Giuseppe Conte, è stata annunciata una notizia che ha fatto gioire gli operatori del settore e gli appassionati di tartufo: l’IVA sui tartufi è stata ulteriormente ridotta al 5%. Tuttavia, è importante notare che questa nuova aliquota si applica solo ai tartufi freschi o refrigerati, mentre per i prodotti lavorati come creme, sughi a base di tartufo e olio tartufato, l’IVA rimane al 10%.

La decisione di abbassare l’IVA sui tartufi è stata accolta con favore da molti esperti del settore, ma cosa ha portato il governo a prendere questa decisione? In gran parte, la riduzione delle tasse sui tartufi è stata motivata dalla necessità di ridurre il fenomeno dell’evasione fiscale e dell’elusione fiscale che ha caratterizzato l’industria del tartufo. Secondo il professor Enrico Vidale dell’Università di Padova, che ha guidato il team di lavoro che ha redatto questa norma, nonostante l’obbligo di tracciabilità, l’80% della filiera dei tartufi è operante in “nero”. L’abbassamento dell’aliquota IVA al 5% dovrebbe incentivare gli operatori del settore a dichiarare correttamente i loro guadagni, contribuendo così a combattere l’evasione fiscale.

Con l’abbassamento dell’aliquota iva al 5% gli operatori di settore saranno incentivati a dichiarare correttamente quanto hanno guadagnato. E diminuirà il fenomeno che consiste nel vendere i tartufi italiani come made in Bulgaria o made in Romania pur di non pagare l’Iva da beni di lusso“ raggirando e truffando il consumatore.

Inoltre, la decisione del governo ha anche l’obiettivo di allineare la tassazione sui tartufi al livello degli altri paesi europei. La Commissione Europea aveva infatti chiesto all’Italia di adeguare la sua tassazione dei tartufi alle normative europee, su sollecitazione di europarlamentari italiani.
L’abbassamento dell’iva sul tartufo nasce con una battaglia intrapresa dall’eurodeputato Alberto Cirio (della Lega) che afferma:

Si chiude un percorso cominciato due anni fa con una denuncia alla Commissione europea per quello che era, a tutti gli effetti, un “autogol” per uno dei prodotti simbolo dell’enogastronomia italiana. L’Europa aveva accolto il nostro appello e minacciato una procedura d’infrazione nel caso in cui l’Italia non si fosse adeguata agli altri paesi Ue dove è possibile trovare il tartufo.

Un primo risultato alla nostra battaglia era stato ottenuto due anni fa con l’abbassamento dell’Iva dal 22% al 10%, adesso finalmente si chiude il cerchio. Un ringraziamento all’attuale governo per aver adottato una decisione che il governo precedente, nonostante le promesse, non aveva mai assunto ed in particolare al senatore Bergesio per l’impegno profuso in commissione agricoltura.

È stato fatto un ottimo lavoro di squadra, di cui il merito va anche all’avvocato Ponzio di Alba che ha curato gli aspetti giuridici della petizione con cui abbiamo rivendicato la tutela del tartufo italiano

Questa mossa mira a garantire una maggiore coerenza fiscale nell’Unione Europea e a evitare che i tartufi italiani vengano venduti come prodotti di altri paesi al fine di evitare l’IVA sui beni di lusso.

Conclusioni

L’abbassamento dell’aliquota IVA al 5% per i tartufi freschi o refrigerati è una notizia positiva sia per gli operatori del settore che per gli amanti della cucina italiana. Questa mossa dovrebbe incoraggiare una maggiore trasparenza fiscale nell’industria del tartufo e consentire all’Italia di adeguarsi alle normative europee. Tuttavia, è importante notare che i prodotti lavorati a base di tartufo continuano a essere soggetti all’IVA al 10%. Questo cambiamento fiscale segna un importante passo avanti per l’industria dei tartufi in Italia e offre una nuova opportunità per godere di questi prelibati ingredienti culinari senza dover affrontare oneri fiscali eccessivi.

 

0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi articoli e ricette

Come funziona
l'ordine e la spedizione

La raccolta del Tartufo Nero Pregiato avviene da Dicembre a Marzo. Selezioniamo quotidianamente il meglio del nostro raccolto locale del Tartufo Nero Pregiato, dalle tartufaie di proprietà. Lo controlliamo e lo cataloghiamo in base alle caratteristiche estetiche e sensoriali. 

Il Tartufo Nero Pregiato ha straordinarie qualità olfattive e gustativa.

Garantiamo un prodotto estremamente fresco, raccolto da un giorno a poche ore prima del confezionamento.

Come funziona l'ordine?

La grammatura minima ordinabile online è di 100g (la porzione a piatto è di circa 10 gr a 20 gr).

A seconda della disponibilità del raccolto, potrai ricevere più pezzi di Tartufo Nero Pregiato che sommeranno il peso da Te ordinato. Proponendoti un facile e veloce acquisto online con la prima scelta e scelta mista. Dopo la selezione, il tartufo viene preparato in appositi contenitori con gel refrigerante. 

Come funziona la spedizione?

Spediamo con corriere espresso il lunedì, martedì e mercoledì. Per gli ordini ricevuti entro le ore 12 (ora Italiana), garantiamo partenza entro la giornata (previa disponibilità di prodotto).

Gli ordini ricevuti dopo le ore 12 (ora Italiana) del mercoledì, saranno spediti il lunedì successivo, tranne nei giorni festivi.

Il nostro prodotto è raccolto in un’area piuttosto circoscritta. Nel caso il vostro ordine non trovi disponibilità il giorno di preparazione, verrà messo come prioritario la mattina seguente.

Tempi di consegna:

  • Italia: 24 ore, ad eccezione delle Isole e delle località più remote (48 ore)
  • Europa: 24 ore, ad eccezione delle località più remote
  • Resto del mondo: 48 ore

Attenzione: l’indirizzo di consegna indicato deve essere presidiato durante tutto l’arco della giornata. Il corriere non avvisa preventivamente del passaggio.

Il cliente è responsabile della propria spedizione e si fa carico del monitoraggio della spedizione con il codice di tracciamento del corriere comunicato via email. Nel caso la merce vada in giacenza nel magazzino del corriere per motivo di mancata consegna il cliente dovrà interessarsi al recupero.

N.B. Il prezzo del tartufo fresco è spesso soggetto a variazioni non prevedibili e l’utente potrebbe notare oscillazioni al rialzo o al ribasso.

IL NOSTRO OBIETTIVO

Il nostro primo obiettivo è la tua soddisfazione!

In particolar modo vogliamo farti gustare le caratteristiche del Tartufo Nero Pregiato fresco di stagione.

Sappiamo che offrendoti un ottimo prodotto e un ottimo servizio, diventeremo i tuoi tartufai di fiducia online, sempre pronti a soddisfare i tuoi peccati di gola!

Perciò puoi stare tranquillo ordinando il tuo Tartufo Nero Pregiato fresco in tutta comodità, al resto ci pensiamo noi!

Porteremo sulla tua tavola un prodotto ancora freschissimo di bosco, cavato con le nostre mani e selezionato con scrupolo e tanta passione.

Se mai dovesse presentarsi qualsiasi tipo di problema saremo qui pronti a risolverlo.

Morati Claudio

Sono l’artefice del brand NERO PREGIATO. Il mio obiettivo è quello di farti conoscere l’alta qualità del nostro Tartufo Nero Pregiato, voglio, soprattutto, che questo prezioso frutto possa arrivare nelle case di privati, che sia un diritto, non un lusso. Portandoti i nostri suggerimenti culinari dentro casa Tua, revisionando certe ricette valorizzandole con l’utilizzo del Tartufo Nero Pregiato (Tuber Melanosporum) ricette semplici ma d’effetto facilmente replicabili. I consumatori privati avrebbero tanto bisogno di imparare ad utilizzarlo al meglio il Tartufo Nero Pregiato, valorizzandolo e quindi non avendo più “paura” di acquistarlo per il consumo casalingo. Collaboriamo con dei chef per costruire insieme un progetto di divulgazione e sensibilizzazione all’utilizzo del Tartufo Nero Pregiato, il diamante dei tartufi. Segui il BLOG RICETTE, costruiamo insieme un progetto di divulgazione e sensibilizzazione all’utilizzo del Tartufo Nero Pregiato.

Seguici su Instagram @tartufoneropregiato e condividi la tua creazione con l’hashtag #ricettapregiata. Entrerai nella nostra gallery

Iscriviti alla Newsletter pregiata e ricevi lo sconto del 10% sul tuo prossimo ordine.